Referendum, bocciata la riforma

L’italia compatta rifiuta il tentativo di riscrivere la Carta Costituzionale

Gli italiani bocciano la riforma costituzionale sottoposta a referendum confermativo. I no sono stati il 61,3 per cento, i sì il 38,7.
Questa consultazione, la seconda nella storia repubblicana, ha visto un’affluenza alle urne del 52,9%, ha cioè superato il quorum della metà più uno dei votanti benchè, per questo tipo di referendum, la Costituzione attualmente in vigore non lo prevedesse.

Vince dunque l’Italia del no e lo fa con ampio margine. E’ salva (almeno per ora, stando alle tante affermazioni che si accavallano) la Costituzione, che ha resistito all’attacco-modifica della parte seconda della Costituzione proposto dalla Cdl, che con la riforma mirava a ritoccare la Carta in virtù di un rinnovamento che deve adeguarsi ai tempi.

Il no è stato uniforme, ad eccezione della Lombardia e del Veneto, entrambe con governatori della Casa delle Libertà e con un forte insediamento della Lega Nord che della battaglia per la devolution ha fatto la ragione principale della propria esistenza. In queste due regioni hanno infatti prevalso i sostenitori della riforma approvata nel novembre 2005: in Lombardia i sì sono stati il 54,6% contro il 45,4% degli oppositori; in Veneto si è espresso a favore del progetto di nuova Costituzione il 55,3% e contro il 44,7%.

In Puglia, parte di quel Sud più volte preso di mira, hanno apposto la propria crocetta sul sì, e dunque a favore della riforma, solo il 26,5% degli elettori, mentre hanno preferito bocciarla, o semplicemente rimandarla, il 73,5%.

E in casa nostra, a Mattinata, le cose non sono andate diversamente: si è recato alle urne il 37,9% della popolazione per un totale di 1.920 votanti (972 maschi e e 948 femmine) su 5.066 iscritti alle liste elettorali.

E alla fine dello spoglio, terminato come prevedibile in perfetta coincidenza col fischio d’inizio della gara pomeridiana della Nazionale di calcio, si è scoperto che i mattinatesi hanno tracciato la propria mappatura in totale assonanza col resto delle realtà del vicinato, o meglio del Gargano: una netta maggioranza di no. Sono state ben 1.209 le schede recanti la negazione referendaria, ovvero il 63,4%, mentre per votare sì si sono recati alle afose urne soltanto 699 persone, e cioè il 36,6% dei votanti (9 le schede nulle e 3 le bianche).

Potrebbe interessarti

Eletti alle regionali provincia di Foggia

Elezioni Regionali 2020 a Mattinata: i risultati per singolo candidato e singola lista

  • 24 Settembre 2020

Tutti i dati dello spoglio delle schede elettorali per liste e singoli candidati alla Regione Puglia

Spoglio schede elettorali

Elezioni Comunali Mattinata: risultati definitivi, voti e preferenze a liste e candidati

  • 23 Settembre 2020

La lista risultata vincente è stata "Noi Comunità", guidata dal neo sindaco Michele Bisceglia

Elezioni regionali

Elezioni Regionali 2020: i risultati a Mattinata

  • 22 Settembre 2020

I dati dello spoglio per coalizione alla Regione Puglia

Cerca

Settembre 2020

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30

Ottobre 2020

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta