Referendum, bocciata la riforma

L’italia compatta rifiuta il tentativo di riscrivere la Carta Costituzionale

Gli italiani bocciano la riforma costituzionale sottoposta a referendum confermativo. I no sono stati il 61,3 per cento, i sì il 38,7.
Questa consultazione, la seconda nella storia repubblicana, ha visto un’affluenza alle urne del 52,9%, ha cioè superato il quorum della metà più uno dei votanti benchè, per questo tipo di referendum, la Costituzione attualmente in vigore non lo prevedesse.

Vince dunque l’Italia del no e lo fa con ampio margine. E’ salva (almeno per ora, stando alle tante affermazioni che si accavallano) la Costituzione, che ha resistito all’attacco-modifica della parte seconda della Costituzione proposto dalla Cdl, che con la riforma mirava a ritoccare la Carta in virtù di un rinnovamento che deve adeguarsi ai tempi.

Il no è stato uniforme, ad eccezione della Lombardia e del Veneto, entrambe con governatori della Casa delle Libertà e con un forte insediamento della Lega Nord che della battaglia per la devolution ha fatto la ragione principale della propria esistenza. In queste due regioni hanno infatti prevalso i sostenitori della riforma approvata nel novembre 2005: in Lombardia i sì sono stati il 54,6% contro il 45,4% degli oppositori; in Veneto si è espresso a favore del progetto di nuova Costituzione il 55,3% e contro il 44,7%.

In Puglia, parte di quel Sud più volte preso di mira, hanno apposto la propria crocetta sul sì, e dunque a favore della riforma, solo il 26,5% degli elettori, mentre hanno preferito bocciarla, o semplicemente rimandarla, il 73,5%.

E in casa nostra, a Mattinata, le cose non sono andate diversamente: si è recato alle urne il 37,9% della popolazione per un totale di 1.920 votanti (972 maschi e e 948 femmine) su 5.066 iscritti alle liste elettorali.

E alla fine dello spoglio, terminato come prevedibile in perfetta coincidenza col fischio d’inizio della gara pomeridiana della Nazionale di calcio, si è scoperto che i mattinatesi hanno tracciato la propria mappatura in totale assonanza col resto delle realtà del vicinato, o meglio del Gargano: una netta maggioranza di no. Sono state ben 1.209 le schede recanti la negazione referendaria, ovvero il 63,4%, mentre per votare sì si sono recati alle afose urne soltanto 699 persone, e cioè il 36,6% dei votanti (9 le schede nulle e 3 le bianche).

Potrebbe interessarti

Galleria San Benedetto

Anas, continuano i lavori di manutenzione lungo la SS 688 “Variante di Mattinata”

  • 2 Dicembre 2020

Interventi per la realizzazione dell'impianto idrico antincendio della galleria S. Benedetto

Un patto per la salute

“Un patto per la salute”, l’Amministrazione Comunale ha messo in atto una serie di azioni per prevenire i tentativi di bruciatura degli scarti di potatura olivicola

  • 28 Novembre 2020

Un passo in avanti verso un'agricoltura pulita e sostenibile ma soprattutto un impegno serio a tutela della Salute di tutti i cittadini...

Peperato

Peperato: curiosità, storia e ricetta del tipico dolce garganico

  • 24 Novembre 2020

Si consuma principalmente sulle tavole pugliesi a Carnevale e Natale

Cerca

Dicembre 2020

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Gennaio 2021

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta