Indagine epidemiologica su campione di popolazione

Alcune analisi avevano evidenziato valori di arsenico nelle urine

Un monitoraggio ambientale e biologico sugli effetti dell’inquinamento da arsenico esteso oltre i confini del sito ex Enichem di Macchia. Lo si chiedeva da tempo come misura complementare di controllo delle operazioni di bonifica in atto nell’ex stabilimento chimico Enichem di Macchia.

A richiedere l’esecuzione di quella che si configura come una mini ricerca epidemiologica, l’Arpa Puglia, l’Asl FG/2, le Università di Bari e Foggia, dopo aver constatato che le indagini di monitoraggio biologico richieste alla Sezione di medicina del lavoro B. Ramazzini del Dipartimento di medicina interna e medicina pubblica dell’Università di Bari, condotte su un gruppo di soggetti professionalmente esposti allo smontaggio degli impianti dello stabilimento Syndial (ex Enichem) di Macchia, hanno evidenziato valori di arsenico urinario superiori al limite biologico previsto. Di qui la decisione di programmare una campagna di monitoraggio ambientale e biologico anche su un campione di popolazione.

L’assessore all’Ambiente di Manfredonia Salvatore Zingariello nel rilevare ´la validità oggettiva dell’indagine epidemiologica sia pure a campione sulla popolazione per garantirne la tutelaª, ha evidenziato come ´l’iniziativa va ad integrarsi con le varie attività di bonifica in corso nel sito industriale di Macchia e che procedono in modo del tutto soddisfacente come attestano i report presentati dagli enti che conduco le opere di bonifica nell’ultimo summit tenuto nei giorni scorsi a Macchiaª.
A tal proposito l’assessore Zingariello ha annotato come il tavolo di concertazione che si teneva due volte all’anno presso il Ministero dell’ambiente, si sia di fatto spostato in loco tant’è che quello di dicembre scorso non si è tenuto. ´Una circostanza non casualeª ha osservato ´ma voluta essenzialmente dalla Provincia di Foggia e dai tre comuni interessati, vale a dire Manfredonia Monte Sant’Angelo e Mattinata, per meglio e più assiduamente seguire i lavori di bonifica del sito di Macchiaª.

In un Protocollo d’intesa sottoscritto da Arpa, Asl FG/2 e Università di Bari e Foggia, sono stati definiti i parametri di riferimento del monitoraggio. Il campione rappresentato è composto da 20 lavoratori esposti professionalmente all’arsenico; 20 soggetti residenti in prossimità dell’impianto non esposti professionalmente all’arsenico; 20 soggetti residenti a distanza di alcuni chilometri dall’impianto non esposti professionalmente all’arsenico.

I lavoratori saranno reclutati tra quelli attualmente esposti che siano stati già sottoposti alla valutazione dell’esposizione tramite determinazione dell’indicatore biologico e per i quali sia stato riscontrato il superamento del BEI. Il campione di popolazione generale sarà rappresentato da soggetti di sesso maschile con una distribuzione di età sovrapponibile a quella dei lavoratori.

A ciascun soggetto incluso nello studio verrà richiesta la sottoscrizione di un consenso informato e l’autorizzazione al trattamento dei dati personali e fini della ricerca epidemiologica. Naturalmente sarà garantita la segretezza dei dati.

A tutti i soggetti in indagine sarà somministrato un questionario predisposto dall’Università di Bari; mentre per il monitoraggio ambientale sarà determinata l’esposizione ad arsenico mediante l’uso di campionatori personali attivi utilizzati per l’intera durata del turno lavorativo. I campionamenti verranno effettuati dal Servizio SPESAL della Asl FG/2.

Le analisi dei campioni ambientali prelevati saranno eseguiti nei laboratori dell’Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione dell’ambiente (ARPA) della Regione Puglia. Contemporaneamente al campionamento ambientale, sarà condotto il monitoraggio biologico consistente nella raccolta da ciascun soggetto partecipante all’indagine, un campione delle prime urine del mattino a fine settimana lavorativa. Le determinazioni analitiche saranno condotte in contemporanea per verificarne i risultati, dal Laboratorio di tossicologia delle sezione di medicina del lavoro del Dipartimento di medicina interna e medicina pubblica dell’Università di Bari, e dal Laboratorio di igiene e tossicologia industriale dell’U.O. igiene tossicologica e prevenzione occupazionale dell’Azienda ospedaliera Spedali Riuniti di Brescia.

(Ufficio Stampa del Comune di Manfredonia)

Potrebbe interessarti

Michele Bisceglia, Sindaco di Mattinata

Scuole di Mattinata: proroga chiusura fino al 23 dicembre

  • 3 Dicembre 2020

Il dato dei contagi comunicatoci oggi dalla Prefettura registra un aumento preoccupante del numero dei contagiati e dei soggetti in isolamento fiduciario

Affittasi

Assegnazione contributi per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione

  • 3 Dicembre 2020

La scadenza delle domande è fissata per il 9 gennaio 2021

Galleria San Benedetto

Anas, continuano i lavori di manutenzione lungo la SS 688 “Variante di Mattinata”

  • 2 Dicembre 2020

Interventi per la realizzazione dell'impianto idrico antincendio della galleria S. Benedetto

Cerca

Dicembre 2020

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Gennaio 2021

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta