Il Porto di Manfredonia nella vita economica della Capitanata

Il futuro di un porto per lo sviluppo economico della Capitanata

Ottant’anni fa un uomo, scrisse un’opera: Il Porto di Manfredonia nella vita economica della Capitanata. Questo lavoro raccontava delle origini del Porto di Siponto, uno dei porti più importanti del Mediterraneo fino al 1223 data della sua distruzione a causa di un devastante maremoto. Tale sventura sembra abbia lasciato una profonda ferita insanata ancor oggi. Da allora una inspiegabile strategia politica nazionale ha fatto di tutto per far in modo che il Porto di Manfredonia non si sviluppasse pur trovandosi in una posizione geografica favorevole per la protezione data dal Promontorio del Gargano, l’ubicazione in un golfo naturale ma soprattutto la sua vicinanza ad un importantissimo snodo ferroviario: Foggia.

Negli anni trenta l’autore di quest’opera raccontava di una Capitanata e della sua campagna ricca di grano, vino, olio, pomodoro, dell’importante produzione di marmo e di sale. Nonostante la disponibilità di tutte queste risorse, il Porto di Manfredonia e l’intera città è stata boicottata nel suo sviluppo più naturale, è stata deturpata, abbandonata e mai risarcita. L’autore senza mezzi termini denuncia l’ingiustizia perpetrata a favore del Porto di Bari, da sempre più ricca di politici influenti e determinanti per stabilire la strategia di sviluppo territoriale. Raffaello Di Sabato nel suo lavoro fotografa lo stato della pianificazione strategica portuale della nuova Siponto degli anni ’30, situazione che a distanza di 80 anni non è cambiata minimamente.

Il prossimo 30 maggio a Manfredonia, presso l’Auditorium Santa Chiara (di fronte all’ingresso principale della Cattedrale) alle ore 18:00, sarà presentato il libro Il Porto di Manfredonia nella vita economica della Capitanata scritto da Raffaello Di Sabato, valente studioso di storia locale innamorato della sua terra e pubblicato da Matteo Di Sabato, uno dei figli e noto giornalista della città sipontina. La serata è stata patrocinata dalla Camera dei Deputati, dalla Regione Puglia, dalla Provincia di Foggia, dal Comune di Manfredonia e da alcune organizzazioni di categoria: ANCIP (Associazione Nazionale Compagnie Imprese Portuali), ASSOLOGISTICA (Associazione Italiana Imprese di Logistica), FEDERPESCA (Federazione Italiana della Pesca), FEDERAGENTI (Federazione Nazionale Agenti Marittimi), IPSEMA (Istituto di Previdenza per il settore Marittimo), Collegio Nazionale Capitani.

L’iniziativa coinvolgerà il mondo dell’impresa privata, gli addetti ai lavori e l’intero mondo politico affinché si riesca a fissare un nuovo e serio punto di ripartenza per poter pianificare il riscatto ed il futuro di un porto che a parere di tutti ha ancora molto da dare a tutta la Capitanata. A causa delle attuali e note vicende degli scompensi avuti nel contratto d’area di Manfredonia – Mattinata – Monte Sant’Angelo, molti giovani hanno perso il posto di lavoro e l’autonomo sostentamento. Lo sviluppo dell’area portuale di Manfredonia serve alle imprese, serve ai politici e serve soprattutto alla Provincia, a tutti quei giovani e meno giovani che sono costretti come accadeva nell’ultimo dopoguerra a lasciare i propri cari e le proprie origini per guadagnare il necessario per le proprie famiglie. Questo non è giusto.
Da troppi anni, troppo silenzio su una questione di così tanta importanza per la nostra economia. Non è un’illusione. Grandi opere recenti sono state realizzate grazie all’intesa tra le reciproche parti politiche, perché su questo importante aspetto economico non si è riusciti a trovare quell’equilibrio? Occorre un deciso ed energico confronto tra l’Autorità Portuale di Manfredonia, il Comune, la Provincia, e la Regione, tutti enti potenzialmente ben disposti. Un confronto non formale ma concreto ove trovare la migliore soluzione per tutti, soprattutto per il territorio.

Ci auguriamo che quest’incontro ponga delle importanti basi per far ripartire un dialogo costruttivo e tempestivo. Ci si auspica che i validissimi imprenditori locali, ai quali alcuni storici attribuiscono il fallimento del Porto di Manfredonia, sappiano sollecitare il mondo politico, sottoponendogli progetti di sviluppo ed opportunità di crescita sociale. Manfredonia e la Capitanata vantano una notevole numerica di rappresentanti delle forze politiche distribuite nei vari palazzi delle scelte e non si comprende per quale ragione la nostra Capitanata, giaccia silenziosa a svolgere il suo ruolo di Cenerentola. Siamo però certi che se riusciremo a creare un sistema di forze unite potremo cambiare una storia che vede il Porto di Manfredonia come un pugile depresso e spaventato pur consapevole del suo valore e della sua forza.

  • Organizzazione Presentazione del Libro
    Il PORTO di MANFREDONIA
    nello sviluppo economico della Capitanata

Potrebbe interessarti

My Favorite Sax

Al “My Favorite Sax” di Empoli, concorso internazionale per giovani sassofonisti, primo premio assoluto per Sante Leone

  • 11 Maggio 2021

Il musicista mattinatese è risultato vincitore del Primo Premio Assoluto con votazione 100/100, con il Quartetto Yule, nella categoria quartetto di saxofoni...

Puglia in zona gialla

Puglia in zona gialla: come comportarsi dal 10 maggio

  • 10 Maggio 2021

È consentito spostarsi verso un'abitazione privata, una sola volta al giorno, per massimo 4 persone, oltre figli minori di 18 anni, persone con...

Satelliti Starlink

Scia luminosa in cielo nella notte di Mattinata: sono i satelliti Starlink di Elon Musk

  • 8 Maggio 2021

Parte il tam tam sui social: si tratta della carovana di satelliti del programma Starlink per l'internet global

Cerca

Maggio 2021

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Giugno 2021

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta