Il grido di Granatiero per i roghi del Gargano

Dalla poesia nel dialetto di Mattinata l’invito del poeta a non arrendersi

Il Sud, un’orrenda pira, un altare del Maligno, alimentato in modo sistematico. Sembra routine ed è un crimine che offende ciò che abbiamo di più sacro.
Uno scempio continuo a cui non ci si deve arrendere e tantomeno abituare. L’incendiario, il prezzolato barbaro autoctono, colpisce la madre terra e il padre ulivo, il nostro cuore mediterraneo.

La fortunata e fortunosa natura garganica è un patrimonio prezioso continuamente oltraggiato.
I pini d’Aleppo delle sue coste e la maestosa flora dell’interno cedono ad un paesaggio spettrale. La sacralità del bello e del grande, che ha da sempre posto questa terra a un passo da Dio, sembra d’un colpo precipitare in una dolina di cenere, in cui si dissolve anche la fauna e oggi perfino la vita delle persone, immolate a un dio minuscolo e vigliacco chiamato profitto.

Quallu ngènete?

Aulive stùppele d’argÌnde, jàruele
jÌrte a vvÌnde favugne mbòrme fùffele
e jàcure zappine e ccurle jarse
ñ scesciarche, figghie ch’appìccene mamme! ñ,
qualla chèpa vacande, quallu cÛre
chjine de vÌnde, qualla mèna spòrche
a u trajòune dè lènde e a lli trijune
de fume ñ sand’Alèije, nzònne nÌnde
li nnùvele scazecavazze strutte
da segnurèije ñ, quallu uèrme, qualli
vÌrme fanne scì mbère li designe
lu Malevèrme, quall’angusce, qualli
pruggètte cremenèle de vetture
fanne tavute ñ Ûi frète che da l’èstre
vÌne a ttruuè la sèsse e vve ne scète
lu munne v˙stre, Pèschece e i rec˙rde,
dajindre a ndrubbechè, fatte cravune ñ,
qualli sfascÌdde ñ sì, stÌdde fuquèle! ñ
de chèse fanne e mmàchene fanÛje,
de cammesande f˙rchie ndussecuse,
de v˙sche e vvèstie furne e cchianghe amÎre,
quau sanghe mbètte mbÌtte, quallu ngènete,
ñ sckaunèsche opure cchiù nn˙stre, d’abbrèje! ñ
mÛ serpejèisce e cce fè turche a tturche,
ng˙rpe a cchinèi, scesciarche, figghie a mmamme
tèrra de sòule, a ulive patre n˙stre
de c˙rpe e àneme, mÛ fucuscèisce
fine a i rràteche, a u cÛre d’i zappine…

Quale larva?

Ulivi batuffoli d’argento, alberi
erti a vento di favonio come fuscelli
e aghi di pino e strobili riarsi,
ñ pigne secche, figlie che incendiano mamme! ñ
quale testa vuota, quale cuore
pieno di vento, quale mano sporca
al drago dà libertà e ai torrioni
di fumo ñ sant’Elia non sono niente
le nuvole di cavallette distrutte
da vossignoria ñ, quale verme, quali
vermi fanno realizzare i disegni
del Maligno, quale odio, quali
progetti criminali di autovetture
fanno bare ñ fratello che dall’estero
vieni a trovare tua sorella e ve ne andate
il mondo vostro, Peschici e i ricordi,
dentro a seppellire, fatti carbone ñ,
quali scintille ñ sì, stelle focaie! ñ
di case fanno e macchine falò,
di cimiteri cunicoli tossici,
di boschi e bestie forni e altari amari,
quale sangue infetto in petto, quale larva
ñ slava o anche più nostra, di ebreo! ñ
ora serpeggia e ci fa turco a turco,
in corpo a chi, pigna secca, figlia a madre
terra di sole, a ulivo padre nostro
di corpo e anima, ora arroventa
fino alle radiche, al cuore dei pini…

Poesia in dialetto di Mattinata; scesciarche, dial. di Peschici, ìpigna seccaî [serbo-croato scisciarca ëpigna’]; figghie ch’appìccene mamme, riferimento all’indovinello peschiciano della pigna; sand’Alèije, dial. e patrono di Peschici; scazecavazze, dial. pesch., ìcavalletteî [serbo-cr. skàkavats ëcavalletta’]; segnurèije, pronuncia peschiciana; sèsse, dial. pesch. ìsorella maggioreî [serbo-cr. sestra ësorella’]; chianghe amÎre, dial. e toponimo viestano, a ricordo di un eccidio turco; abbrèje, ìtraditoreî; turche a tturche, ìestraneo l’uno verso l’altroî.

Francesco Granatiero

Potrebbe interessarti

Un patto per la salute

“Un patto per la salute”, l’Amministrazione Comunale ha messo in atto una serie di azioni per prevenire i tentativi di bruciatura degli scarti di potatura olivicola

  • 28 Novembre 2020

Un passo in avanti verso un'agricoltura pulita e sostenibile ma soprattutto un impegno serio a tutela della Salute di tutti i cittadini...

Peperato

Peperato: curiosità, storia e ricetta del tipico dolce garganico

  • 24 Novembre 2020

Si consuma principalmente sulle tavole pugliesi a Carnevale e Natale

Consegna farmaci

Attivati i servizi di consegna a domicilio di farmaci e alimenti di prima necessità

  • 23 Novembre 2020

Il servizio sarà effettuato dal Centro Operativo Comunale del Comune di Mattinata con il supporto delle associazioni cittadine di volontariato

Cerca

Dicembre 2020

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Gennaio 2021

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta