Fumi dannosi, 4 medici lanciano nuovo allarme

Incontro con il commissario prefettizio perché faccia rispettare la legge

Sull’annosa questione dei «fumi dannosi per la salute» i medici di famiglia Angelo Armillotta, Raffaele Ciuffreda, Michele Falcone e Mariolina Latino hanno incontrato il commissario prefettizio Carmela Palumbo, che regge in questi mesi il Comune garganico dopo lo scioglimento del consiglio a causa delle dimissioni di dieci consiglieri di maggioranza e minoranza. I medici al commissario, e la stessa cosa faranno per iscritto alla Prefettura, hanno ribadito le loro preoccupazioni sui fumi che provengono dalla piana e dalle colline circostanti che, come ogni anno, vengono accesi dopo la potatura degli alberi, specialmente in questo periodo e fino a tutto maggio.

Nelle settimane scorse all’azione partita una decina di anni fa dalla classe medica, si è affiancato un gruppo di donne che hanno raccolto in poco tempo centinaia di firme per dire basta ai fumi e ai gas che si sviluppano dall’attività di combustione delle frasche», sovente pregne di antiparassitari di incerta provenienza, e modificano la qualità dell’aria. Vi sarebbe, più precisamente, un aumento di concentrazione di particelle sottili, tra cui il temibile «particolato».

I medici, durante la riunione a palazzo Barretta, al commissario hanno chiesto il rispetto anche a Mattinata della legge, invocando l’applicazione del decreto legislativo 152 del 2006 in materia ambientale. Questo decreto, hanno sottolineato i quattro professionisti, «prevede il divieto di bruciare residui vegetali, agricoli e forestali in quanto a paglia, sfalci e potature, nonché altro materiale agricolo forestale naturale: devono essere considerati rifiuti e come tali devono essere trattati».

Per ovviare poi alle esigenze degli agricoltori, c’è la possibilità di “una pratica agricola più moderna e più redditizia per l’olivicoltura: cioè lo sminuzzamento ed il successivo incorporamento dei residui colturali nel terreno” hanno detto i medici. Il pensiero dei medici è andato soprattutto alle categorie di persone più soggette alle conseguenze sulla propria salute: bambini e anziani. “Sono loro, anzitutto, a essere esposti ai danni derivanti dal particolato”.

Secondo i medici i dati statistici confermano “una forte incidenza di malattie, comprese quelle tumorali e neurodegenerative“. Perciò ritengono di dover intervenire, per il solo bene dei loro assistiti, con questa azione di segnalazione e mobilitazione ponendosi accanto ai tanti cittadini che hanno chiesto con la loro firma la tutela del diritto alla salute.

  • Fonte: Francesco Bisceglia
    Gazzetta del Mezzogiorno

Potrebbe interessarti

Ticket ufficio postale

“Chi è l’ultimo?”, all’ufficio postale di Mattinata adesso lo decide il numerino

  • 26 Ottobre 2020

E' attivo il nuovo servizio di prenotazione tramite ticket, in modo da presentarsi allo sportello quando arriva il proprio turno

Commemorazione dei Defunti, gli orari di apertura del Cimitero comunale

  • 24 Ottobre 2020

Fatte salve le eventuali restrizioni per contenimento da contagio da Covid-19

Agriturismo

Pentassuglia e Nardone: “Da venerdì 23 ottobre al via i tre bandi per agriturismi, florovivaismo e vitivinicolo”

  • 22 Ottobre 2020

Gli interventi messi a punto si aggiungono ad una serie di strumenti di aiuto attivati dalla Regione Puglia per ristorare le imprese...

Cerca

Ottobre 2020

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Novembre 2020

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta