Fumi dannosi, 4 medici lanciano nuovo allarme

Incontro con il commissario prefettizio perché faccia rispettare la legge

Sull’annosa questione dei «fumi dannosi per la salute» i medici di famiglia Angelo Armillotta, Raffaele Ciuffreda, Michele Falcone e Mariolina Latino hanno incontrato il commissario prefettizio Carmela Palumbo, che regge in questi mesi il Comune garganico dopo lo scioglimento del consiglio a causa delle dimissioni di dieci consiglieri di maggioranza e minoranza. I medici al commissario, e la stessa cosa faranno per iscritto alla Prefettura, hanno ribadito le loro preoccupazioni sui fumi che provengono dalla piana e dalle colline circostanti che, come ogni anno, vengono accesi dopo la potatura degli alberi, specialmente in questo periodo e fino a tutto maggio.

Nelle settimane scorse all’azione partita una decina di anni fa dalla classe medica, si è affiancato un gruppo di donne che hanno raccolto in poco tempo centinaia di firme per dire basta ai fumi e ai gas che si sviluppano dall’attività di combustione delle frasche», sovente pregne di antiparassitari di incerta provenienza, e modificano la qualità dell’aria. Vi sarebbe, più precisamente, un aumento di concentrazione di particelle sottili, tra cui il temibile «particolato».

I medici, durante la riunione a palazzo Barretta, al commissario hanno chiesto il rispetto anche a Mattinata della legge, invocando l’applicazione del decreto legislativo 152 del 2006 in materia ambientale. Questo decreto, hanno sottolineato i quattro professionisti, «prevede il divieto di bruciare residui vegetali, agricoli e forestali in quanto a paglia, sfalci e potature, nonché altro materiale agricolo forestale naturale: devono essere considerati rifiuti e come tali devono essere trattati».

Per ovviare poi alle esigenze degli agricoltori, c’è la possibilità di “una pratica agricola più moderna e più redditizia per l’olivicoltura: cioè lo sminuzzamento ed il successivo incorporamento dei residui colturali nel terreno” hanno detto i medici. Il pensiero dei medici è andato soprattutto alle categorie di persone più soggette alle conseguenze sulla propria salute: bambini e anziani. “Sono loro, anzitutto, a essere esposti ai danni derivanti dal particolato”.

Secondo i medici i dati statistici confermano “una forte incidenza di malattie, comprese quelle tumorali e neurodegenerative“. Perciò ritengono di dover intervenire, per il solo bene dei loro assistiti, con questa azione di segnalazione e mobilitazione ponendosi accanto ai tanti cittadini che hanno chiesto con la loro firma la tutela del diritto alla salute.

  • Fonte: Francesco Bisceglia
    Gazzetta del Mezzogiorno

Potrebbe interessarti

Orecchiette con cime di rapa

Ricetta orecchiette con cime di rapa

  • 14 Gennaio 2021

Ricetta facile e veloce, con ingredienti semplici che rievocano gli odori e i sapori della tradizione pugliese

I defibrillatori donati dall'AVIS

Posizionati presso le due farmacie di Mattinata i defibrillatori donati dall’AVIS

  • 13 Gennaio 2021

Sono stati posizionati presso la Farmacia Sansone e la Farmacia del Corso

Contributi per locazioni

Covid-19, accesso contributi per il sostegno alle locazioni per l’anno 2020

  • 12 Gennaio 2021

La scadenza delle domande è fissata per il 22 gennaio 2021

Cerca

Gennaio 2021

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Febbraio 2021

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta