”Armiamoci e partite!”. Malumore dei pendolari mattinatesi

Lavoratori e studenti pendolari da e per Foggia non sono più tranquilli

I lavoratori e, in parte, anche gli studenti pendolari da e per Foggia non sono più tranquilli per una serie di disagi che crescono ogni giorno sempre di più, mettendo a dura prova la loro pazienza e salute. Tutto questo accade, dopo la chiusura completa del traffico nel centro del Capoluogo, diventata all’improvviso una moribonda e, per certi versi, inutile isola pedonale, in quanto i pedoni sono diventati ben pochi, a seguito dello spopolamento residenziale e soprattutto per la chiusura e lo spostamento di ogni attività commerciale chissà dove.

La situazione, comunque, si è ulteriormente aggravata dopo la recente chiusura di Piazza Giordano e strade adiacenti di alleggerimento, dalla quale erano esclusi fino a poco tempo fa gli automezzi di linea provenienti dall’esterno e le normali “circolari” interne, sia nelle prime ore del mattino sia in quelle pomeridiane di ritorno ai vari centri di Capitanata. Ora il Capolinea dell’uno e dell’altro tipo di servizio, seppure situati nell’ampia piazza della Stazione, sono raggiunti con estrema difficoltà e ritardo dagli automezzi, costretti a percorrere le strade di circonvallazione solitamente intasate. Per cui le coincidenze con le circolari Ataf saltano puntualmente e i luoghi di lavoro e di studio, sia in centro che in altre zone della città sono raggiunti con molto ritardo e per far ritorno a casa s’impiega una intera giornata, specie quando si va nel Sub Appennino o nel Gargano.

A far sentire con forza la loro voce, sono soprattutto le congreghe più numerose di pendolari, come Manfredonia, Mattinata, Monte Sant’Angelo e, in qualche misura, anche i pellegrini diretti a San Giovanni Rotondo. Ecco il resoconto fattoci da alcuni di questi pendolari: “I viaggiatori sono costretti a sopportare orari scomodi. Per esempio quelli, i cui uffici chiudono alle 14.00, difficilmente riescono a prendere gli autobus – Sita o quanti altri, che partono per la loro destinazione alle ore 14,05. Pertanto, quelli che lavorano nelle zone limitrofe cittadine (Ospedale, Scuole, ecc.) sono costretti a uscire prima, accumulando così un enorme monte ore di recupero, oppure a prendere la corriera successiva per fare i 35-40 chilometri che li separano dalla loro destinazione.

L’ultima è alle ore 17.45 e pertanto l’arrivo a casa è all’imbrunire con ripercussioni negative di qualsiasi tipo sulla vita quotidiana dei lavoratori e degli studenti. A questo punto si può concludere che i pendolari in questione sono penalizzati al 100%. Urge, in particolare, se non l’apertura al traffico delle strade interessate, quanto l’accordo tra i diversi gestori del servizio pubblico automobilistico in modo da armonizzare gli orari alle effettive esigenze dei pendolari, salvaguardando nel contempo le esigenze della zona centrale senza danneggiare l’uno e l’altro interesse. Ovviamente perché il tutto vada a buon fine, occorre un intervento-coordinamento del Comune, semmai dello stesso sindaco Franco Landella, È quanto si auspica.

  • Fonte: Statoquotidiano.it

Potrebbe interessarti

Ticket ufficio postale

“Chi è l’ultimo?”, all’ufficio postale di Mattinata adesso lo decide il numerino

  • 26 Ottobre 2020

E' attivo il nuovo servizio di prenotazione tramite ticket, in modo da presentarsi allo sportello quando arriva il proprio turno

Commemorazione dei Defunti, gli orari di apertura del Cimitero comunale

  • 24 Ottobre 2020

Fatte salve le eventuali restrizioni per contenimento da contagio da Covid-19

Agriturismo

Pentassuglia e Nardone: “Da venerdì 23 ottobre al via i tre bandi per agriturismi, florovivaismo e vitivinicolo”

  • 22 Ottobre 2020

Gli interventi messi a punto si aggiungono ad una serie di strumenti di aiuto attivati dalla Regione Puglia per ristorare le imprese...

Cerca

Ottobre 2020

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Novembre 2020

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta